Collezioni

Stampa questa paginaVersione PDF

La Biblioteca di Filosofia e storia riunisce il patrimonio bibliografico del Dipartimento di Civiltà e forme del sapere. Acquisisce, organizza, cataloga e conserva il patrimonio librario e documentale e i repertori bibliografici di interesse specifico per le aree culturali di filosofia, storia medievale, storia moderna e contemporanea. Provvede a rendere disponibile il suddetto materiale mediante gli strumenti di ricerca e la diffusione dell'informazione bibliografica. Inoltre, in stretto collegamento con il Sistema Bibliotecario di Ateneo, promuove la necessaria collaborazione con le altre biblioteche locali, nazionali e internazionali.

La biblioteca (vedi planimetria) possiede circa 125.000 libri collocati a scaffale aperto e circa 1.900 riviste, tra correnti e cessate. Il patrimonio librario riflette la storia stessa della biblioteca e si compone delle tre sezioni che la costituiscono: Filosofia, Storia moderna e contemporanea, Medievistica.

La sezione di Filosofia accoglie le opere dei maggiori filosofi dall’antichità a oggi e numerosi testi critici e di commento. Si compone anche di un cospicuo nucleo di studi di psicologia, pedagogia e di scienze della comunicazione. La parte storica è probabilmente la più variegata per le molte sfaccettature della materia stessa, per cui vi si trovano testi di economia, politica, sociologia, storia delle religioni, arte oltre che storici in senso stretto. La sezione di Medievistica, confluita successivamente nella raccolta documentaria, ha una ricca collezione di fonti e raccolte di storia locale, di documentazione sugli Ebrei, di storia del monachesimo e dei pellegrinaggi, di storia dell’area mediterranea. 

La Biblioteca, nel corso degli anni, ha accolto numerose donazioni che ne hanno arricchito il patrimonio.

La Biblioteca conserva le tesi discusse presso gli ex Dipartimenti di Filosofia e di Storia dal 1951 ad oggi. Sono presenti inoltre circa 500 microfilm e microfiches.

Fondo storico

Il fondo storico della biblioteca è composto da:

  • una parte antica: circa 900 opere antecedenti il 1900 fra cui tre cinquecentine e otto opere del secolo XVII
  • una parte moderna: opere posteriori al 1900 che per esigenze di conservazione o per le loro caratteristiche intrinseche necessitano di un trattamento privilegiato rispetto al restante patrimonio moderno.

La parte antica è esclusa dal prestito e ne è ammessa la sola consultazione; per la parte moderna l’ammissione al prestito è legata alle condizioni e/o caratteristiche dell’opera ed è chiaramente indicata nel catalogo di Ateneo.

Hai bisogno di aiuto? Chiedi in biblioteca