Lazzarino Orazio

Stampa questa pagina

(Gallico [RC], 12 agosto 1880 – Pisa, 6 febbraio 1963), docente di Fisica matematica.

Orazio Lazzarino
Orazio Lazzarino

Biografia: 

Il professore Orazio Lazzarino, deceduto a Pisa il 6 febbraio 1963, aveva coperto le cattedre di Astronomia e Geodesia (dal gennaio 1925) e poi di Fisica matematica (a partire dall’anno accademico 1928-29) presso l’Istituto matematico dell’Università.

Il professar Lazzarino era nato a Gallico (Reggio Calabria) il 12 agosto 1880; si era laureato successivamente in Fisica, Ingegneria elettrotecnica e Matematica presso l’università di Napoli. Dal novembre 1905 era stato assistente di ruolo presso il Regio osservatorio astronomico di Capodimonte.

Libero docente dal 1918, aveva vinto la cattedra di Meccanica razionale presso l’Università di Cagliari nell’ottobre 1920; dopo un breve periodo di insegnamento a Catania (1921-1924) si era trasferito a Pisa.

Presso l’Osservatorio di Capodimonte aveva condotto numerose ed accurate osservazioni, in particolare su alcune stelle variabili (W Ursae Majoris, RZ e TV Cassiopeiae, R Canis Majoris ecc.). Per molti anni si era interessato a questioni di stereodinamica: da un primo studio, teorico e sperimentale, sul caso di integrabilità della Kowalewski ad un gruppo di lavori sulla equivalenza fra i sistemi differenziali di Eulero-Poisson e di Hess-Schiff, concluso con una esauriente memoria pubblicata negli Annali della Scuola Normale.

Aveva a lungo studiato il problema (divenuto ora di grande interesse) del moto di un solido contenente cavità ripiene di liquidi anch’essi in moto.

Durante i molti anni di insegnamento aveva redatto numerose raccolte di lezioni di meccanica razionale, di astronomia e di fisica matematica, nelle quali aveva adottato la sintetica tecnica espositiva del Burgatti basata sull’uso delle omografie vettoriali.

 

Iacopo Barsotti

 

Da: Annuario dell’Università degli Studi di Pisa per l’anno accademico 1962-1963