Gerace Giovanni Battista

Stampa questa pagina

(Roma, 17 novembre 1925 – Pisa, 4 giugno 1987), docente di Sistemi per l’elaborazione dell’informazione.

Gerace Giovanni Battista - ger_gio
Gerace Giovanni Battista - Gerace

Biografia: 

Nacque a Roma il 17 novembre 1925. Conseguita la licenza liceale nel 1943, si iscrisse a ingegneria.

Nello stesso anno, richiamato alle armi, decide di abbandonare Roma e di unirsi alla lotta partigiana. Ferito e catturato in combattimento nel maggio 1944, riuscì tuttavia a fuggire; fu in seguito ufficiale di collegamento con l’esercito alleato.

Alla fine della guerra rientrò a Roma con gravi problemi di salute, che lo avrebbero segnato tutta la vita e che richiesero alcuni anni di soggiorno in un sanatorio svizzero.

Tornato a Roma, si laureò in ingegneria elettronica nel 1954. Nello stesso anno iniziò a lavorare presso la direzione tecnica della Società FATME a Roma.

Nel 1955 fu chiamato a un importante incarico presso la TELETTRA a Milano; entrato però nello stesso anno in contatto col Centro Studi Calcolatrici Elettroniche (CSCE) dell’Università di Pisa, ne entrò a far parte nel dicembre dello stesso anno.

Divenne dopo poco uno dei cinque ricercatori del gruppo esecutivo che ebbe la responsabilità di progettare e costruire la Calcolatrice Elettronica Pisana.

Nel 1962 Gerace divenne direttore del CSCE, di cui curò, assieme ai Proff. Faedo e Conversi, la trasformazione in organo di ricerca del CNR, in seguito denominato Istituto di Elaborazione dell’Informazione (IEI).

Dall’anno accademico 1961-62 Gerace iniziò la sua attività di docente universitario, come professore incaricato di macchine calcolatrici aritmetiche presso la facoltà di ingegneria; nel 1964 conseguì la libera docenza in commutazione e calcolatori elettronici.

Alla fine degli anni ’60 Gerace fece parte del gruppo che definì lo statuto del primo corso di laurea italiano in scienze dell’informazione, istituito a Pisa nel 1969.

Nel 1971 Gerace risultò vincitore della prima cattedra di discipline informatiche bandito dall’Università di Pisa e denominata “sistemi per l’elaborazione dell’informazione”. Trasferitosi nel nuovo corso di laurea, ricoprì dal 1972 al 1973 la carica di coordinatore didattico e di direttore dell’istituto di informatica.

Negli anni accademici dal 1973-74 al 1975-76 fu preside della facoltà di scienze matematiche, fisiche e naturali.

L’insegnamento fu costantemente per Gerace di somma importanza, settore di attività prioritario rispetto ad altri; il vasto materiale didattico usato nel corso di numerosi anni di insegnamento è raccolto nell’opera “La logica dei sistemi di elaborazione”, pp. 1-331, Editori Riuniti, 1987.

Negli anni ’80 Gerace indirizzò la sua ricerca verso temi di maggiore impatto sociale, come l’influenza dell’evoluzione tecnologica sullo sviluppo del paese e del mondo del lavoro o come le applicazioni dell’informatica nei processi produttivi e nella pubblica amministrazione (Le politiche dell’informatica, pp. 1-180, Editori Riuniti, 1991).

Gerace fu insignito nel 1986 dell’onorificenza del Cherubino, conferitagli dall’Università di Pisa.

In ambito C.N.R. fu membro della commissione generale per l’informatica e del comitato ordinatore e scientifico del progetto finalizzato informatica.

Gerace morì a Roma il 4 giugno 1987.

 

Giuseppe De Marco

 

Da: http://museoinf.isti.cnr.it/AspFiles/Index_Scheda_Descr.asp?cod=15&dadove=PERSONE&dadovecod=4 (consultata in rete il 15.3.2005).

Allegati: 

Hai bisogno di aiuto? Chiedi in biblioteca